La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Allergie - Sensibilità Dei Polmoni E Delle Vie Respiratorie!

ALLERGIE - sensibilità dei polmoni e delle vie respiratorie!

Malattie allergiche dei polmoni

I polmoni sono particolarmente inclini alle reazioni allergiche in quanto sono esposti a grandi quantità di antigeni trasportati dall'aria come polvere, polline e sostanze chimiche.

L'esposizione a polvere o sostanze irritanti sospese nell'aria normalmente nell'ambiente di lavoro aumenta la possibilità di reazioni respiratorie allergiche. Tuttavia, le reazioni allergiche polmonari non sono dovute solo agli antigeni inalati.

Possono anche verificarsi a causa dell'ingestione di determinati alimenti o dell'uso di determinati farmaci.

Tipi di reazioni allergiche

Il corpo reagisce a un anticorpo che forma anticorpi. Questi si legano all'antigene, rendendolo in genere innocuo.
Tuttavia, in determinate circostanze, quando si verifica un'interazione tra l'anticorpo e l'antigene, si verificano danni infiammatori e tissutali (tessuti).

Le reazioni allergiche sono classificate in base al tipo di lesione tessutale verificatasi.
Molte reazioni allergiche sono una combinazione di pi√Ļ di un tipo di danno tissutale.
Alcune reazioni allergiche coinvolgono linfociti specifici dell'antigene (un tipo di leucociti) piuttosto che anticorpi.

Le reazioni di tipo I (atopiche o anafilattiche) si verificano quando un antigene penetrato nel corpo si trova con mastociti o basofili - tipi leucocitari che hanno anticorpi attaccati alla sua superficie e fanno parte del sistema immunitario.

Quando l'antigene si lega a questi anticorpi di superficie cellulare, i mastociti rilasciano sostanze, come l'istamina, che causano la dilatazione dei vasi sanguigni e la contrazione delle vie aeree. Queste sostanze attirano anche altri leucociti nell'area.
Un esempio di reazione di tipo I è l'asma bronchiale allergico. Le reazioni di tipo II (citotossico) distruggono le cellule perché la combinazione antigene-anticorpo attiva sostanze tossiche.
Un esempio di malattia causata da una reazione di tipo II è la sindrome di Goodpasture.

Le reazioni di tipo III (immunocomplessi) si verificano quando vi è un accumulo di una grande quantità di complessi antigene-anticorpo.
Queste reazioni possono causare un'infiammazione diffusa che danneggia i tessuti, in particolare le pareti dei vasi sanguigni, una condizione chiamata vasculite.

Il lupus eritematoso sistemico è un esempio di malattia risultante da una reazione di tipo III.

Le reazioni di tipo IV (ritardate o mediate dalla cellula) si verificano quando un antigene interagisce con linfociti specifici per l'antigene che rilasciano sostanze infiammatorie e tossiche, attirano altri linfociti e feriscono il tessuto normale.

Il test cutaneo TB (test tubercolinico) è un esempio di questo tipo di reazione.

Polmonite da ipersensibilità

La polmonite da ipersensibilità (alveolite allergica estrinseca, polmonite interstiziale allergica, pneumoconiosi della polvere organica) è un'infiammazione che colpisce le piccole sacche d'aria (alveoli) nei polmoni e anche intorno a loro.

√ą causato da una reazione allergica alle polveri organiche inalata o, meno comunemente, alle sostanze chimiche.

cause

Molti tipi di polvere possono causare reazioni allergiche nei polmoni.

Polveri organiche contenenti microrganismi o proteine, nonché sostanze chimiche (ad es. Isocianati), possono causare polmonite da ipersensibilità.

Un noto esempio di polmonite da ipersensibilità è il polmone del contadino derivante da ripetute inalazioni di batteri presenti nel fieno ammuffito e tolleranti temperature elevate (termofile).
Solo un piccolo numero di individui che inalano queste comuni polveri manifestano reazioni allergiche e solo una piccola percentuale di individui con reazioni allergiche presenta danni irreversibili ai polmoni.

Generalmente, un individuo deve essere esposto a questi antigeni continuamente o frequentemente per un lungo periodo prima di sviluppare sensibilità e malattia. Sembra che la lesione polmonare sia il risultato di una combinazione di reazioni di tipo III e IV allergiche.

L'esposizione alla polvere produce sensibilizzazione dei linfociti e formazione di anticorpi, con conseguente infiammazione dei polmoni e un accumulo di leucociti nelle pareti degli alveoli. Il tessuto polmonare funzionante può essere sostituito o distrutto, causando una malattia sintomatica.

Sintomi e diagnosi

ALLERGIE - sensibilità dei polmoni e delle vie respiratorie!: respiratorie

Se un individuo ha sviluppato ipersensibilità a una polvere organica, si presenta solitamente con febbre, tosse, brividi e difficoltà respiratoria, che tipicamente si verificano entro 4-8 ore dalla ri-esposizione alla sostanza.

Altri sintomi possono includere perdita di appetito, nausea e vomito. Il verificarsi di sibili è raro.
Se l'individuo non ha pi√Ļ contatto con l'antigene, i sintomi di solito scompaiono entro poche ore, ma il recupero completo pu√≤ richiedere settimane.

In una forma pi√Ļ lenta di reazione allergica (forma subacuta), l'individuo pu√≤ avere tosse e difficolt√† a respirare per giorni o settimane, e in alcuni casi la condizione pu√≤ essere abbastanza grave da richiedere il ricovero in ospedale.

Nel caso di polmonite da ipersensibilità cronica, l'individuo viene spesso a contatto con l'allergene per un periodo di mesi o addirittura anni e può causare cicatrici diffuse nei polmoni, una condizione chiamata fibrosi polmonare.
Difficoltà a respirare durante l'esercizio, tosse produttiva, stanchezza e perdita di peso peggiorano nel corso di mesi o anni.
In definitiva, la malattia può portare a insufficienza respiratoria.

La diagnosi di polmonite da ipersensibilità dipende dall'identificazione del tipo di polvere o altra sostanza che causa il problema, che può essere difficile.

Le persone esposte a questi prodotti sul posto di lavoro possono avvertire i sintomi ore dopo quando sono a casa.

Una buona indicazione che l'ambiente di lavoro può essere la fonte del problema è l'individuo che si sente male durante i giorni lavorativi e non durante i fine settimana e le vacanze.

Spesso, la diagnosi è sospettata a causa di una radiografia del torace anormale.
In questo caso, i test di funzionalità polmonare, che misurano la capacità polmonare per la ritenzione di aria e le capacità inspiratoria ed espiratoria, nonché lo scambio di ossigeno e anidride carbonica, possono aiutare il medico a stabilire la diagnosi di polmonite. ipersensibilità.

La somministrazione di anticorpi nel sangue può confermare l'esposizione al sospetto antigene.

Quando non è possibile eseguire l'identificazione dell'antigene e la diagnosi è dubbia, può essere eseguita una biopsia polmonare (rimozione di un piccolo frammento di tessuto polmonare sottoposto all'esame microscopico).

Il tessuto può essere rimosso durante la broncoscopia (esame delle vie respiratorie con l'ausilio di un tubo di osservazione), una toracoscopia (esame della superficie polmonare e dello spazio pleurico con l'ausilio di un tubo di osservazione) o una toracotomia (chirurgia in cui la parete toracica è aperta).

Quali sono le cause di polmonite da ipersensibilità?

malattia

Origine di
Polvere di particelle

Polmone del contadinoFieno ammuffito
Polmoni da allevatore di pollame, polmoni di Pigeon, polmoni di pollameSpreco di parrocchetti, piccioni, polli
Polmone del condizionatore d'ariaUmidificatori, condizionatori d'aria
BagaçoseResidui di zucchero Dacana
Polmone del coltivatore di funghiComposti (fertilizzanti)
Polmone del polmone (suberoso)Sughero ammuffito
Malattia della corteccia di cortecciaCorteccia di macchia infetta
Polmone del lavoratore di maltoOrzo o maltmobile
SequoioseDesequóia di segatura modellata
Polmone al formaggioMuffa del formaggio
Polmone del macininoCrusca di frumento infetta
Polmone del coltivatore di caffèChicchi di caffè
Lavoratore lavoratore polmonePaglia o canna utilizzata nella fabbricazione di soffitti
Polmone del lavoratore chimicoAgenti chimici utilizzati nella produzione di schiuma poliuretanica, stampaggio, isolamento, gomme sintetiche e materiali di imballaggio

Prevenzione e trattamento

La migliore prevenzione è evitare l'esposizione all'antigene. Tuttavia, questa procedura non è pratica se l'individuo non può cambiare professione.

Eliminare o ridurre la polvere e indossare maschere protettive aiuta a prevenire le recidive.

Il trattamento chimico dei detriti di fieno o canna di zucchero e l'uso di buoni sistemi di ventilazione aiutano a prevenire l'esposizione e la sensibilizzazione dei lavoratori a questi materiali.

Gli individui che hanno un episodio acuto di polmonite da ipersensibilità di solito si riprendono evitando ulteriori contatti con la sostanza. Se l'episodio è grave, i corticosteroidi (ad esempio il prednisone) riducono i sintomi e aiutano a ridurre l'infiammazione grave

. Episodi prolungati o ricorrenti possono portare a una malattia irreversibile; la funzione polmonare può diventare così compromessa che l'individuo richiederà l'integrazione di ossigeno.

Aspergillosi broncopolmonare allergica

ALLERGIE - sensibilità dei polmoni e delle vie respiratorie!: delle

Aspergillosi broncopolmonare allergica è un disturbo polmonare allergico che spesso assomiglia alla polmonite.

√ą caratterizzato da asma, infiammazione delle vie aeree e dei polmoni e un aumento della quantit√† di eosinofili nel sangue.

Aspergillosi broncopolmonare allergica √® causata da una reazione allergica a un fungo, pi√Ļ comunemente da Aspergillus fumigatus.

Aspergillus è un fungo che cresce su suolo, vegetazione in decomposizione, cibo, polvere e acqua.

L'individuo che inala questo fungo può diventare sensibilizzato e può sviluppare asma allergico

. In alcuni individui, pu√≤ verificarsi una reazione allergica pi√Ļ complessa nelle vie aeree e nei polmoni.

Sebbene non invada i polmoni e non danneggi i tessuti, il fungo forma colonie nel muco presente nelle vie aeree e provoca una recidiva infiammazione allergica nei polmoni. Gli alveoli polmonari sono principalmente pieni di eosinofili.
Inoltre, potrebbe esserci un aumento della quantità di cellule produttrici di muco.

Nei casi avanzati, l'infiammazione può portare alla dilatazione permanente delle vie aeree centrali, una condizione chiamata.
Infine, i polmoni hanno cicatrici.
Possono anche verificarsi altre forme di aspergillosi.

Aspergillus può invadere i polmoni, causando grave polmonite in individui immunocompromessi (con funzione compromessa del sistema immunitario).
In questo caso, si tratta di un'infezione e non di una reazione allergica.

Il fungo può anche formare una palla fungina, chiamata aspergilloma, nelle cavità e nelle cisti di un polmone già danneggiato da un'altra malattia (ad esempio la tubercolosi).

Sintomi e diagnosi

I primi segni di aspergillosi broncopolmonare allergica sono di solito sintomi progressivi di asma, come dispnea, difficoltà respiratoria e febbre bassa. Di solito, l'individuo non si sente bene. L'individuo può eliminare l'espettorato con colorazione marrone o tamponi di muco.

Le successive radiografie del torace rivelano aree che hanno le stesse caratteristiche della polmonite, ma che si muovono e si trovano pi√Ļ comunemente nella parte superiore dei polmoni.

In caso di malattia prolungata, la tomografia computerizzata (TC) può rivelare vie aeree dilatate.
Nell'esame microscopico dell'espettorato si può osservare la presenza del fungo e, allo stesso tempo, la quantità eccessiva di eosinofili.
La quantità di eosinofili nel sangue è elevata, così come la concentrazione di alcuni anticorpi contro Aspergillus.

Test cutanei possono verificare se la persona è allergica ad Aspergillus.
Tuttavia, essi non distinguono tra aspergillosi broncopolmonare allergica e una semplice allergia all'Aspergillus, che può verificarsi nei casi di asma allergica che non è accompagnata da aspergillosi.

trattamento

Poiché Aspergillus è presente in molti ambienti, il contatto con questo fungo è difficile da evitare.

I farmaci anti-asma, in particolare i corticosteroidi, sono usati nel trattamento dell'aspergillosi broncopolmonare allergica.

Il prednisone - inizialmente usato a dosi elevate e poi a dosi pi√Ļ basse per un periodo prolungato - pu√≤ prevenire lesioni polmonari progressive.

Poiché gli effetti nocivi non sono causati dall'infezione, i farmaci antifungini non sono utili.

Anche l'applicazione di allergeni (desensibilizzazione) non è raccomandata.

Poiché la lesione polmonare può peggiorare senza causare alcun sintomo evidente, il medico deve monitorare regolarmente la malattia attraverso i raggi X del torace, i test di funzionalità polmonare e i titoli anticorpali.

Quando la malattia è sotto controllo, si verifica una diminuzione delle concentrazioni di anticorpi.

Editoriale Video: Alergias: Origen, síntomas y tratamientos naturales por Adolfo Pérez Agustí

ÔĽŅ
Menu