La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Allergia E Intolleranze Alimentari!

Allergia e intolleranze alimentari!

Un'allergia alimentare è una reazione allergica a determinati alimenti.

Una condizione molto pi√Ļ comune, l'intolleranza alimentare, non √® una reazione allergica, ma rappresenta un effetto indesiderato prodotto dall'ingestione di un particolare alimento.

Allergie alimentari comuni

latte
uova
frutti di mare
Noci, noci
grano
arachidi
soia
cioccolato

Molte persone non tollerano determinati alimenti per vari motivi diversi dall'allergia alimentare.
Ad esempio, potrebbero non avere un enzima necessario per la digestione del cibo.

Quando il sistema digestivo di un individuo non tollera determinati alimenti, il risultato può essere disagio gastrointestinale, produzione di gas, nausea, diarrea o altri problemi.
Generalmente, le reazioni allergiche non sono responsabili di questi sintomi.

Ci sono molte affermazioni controverse su "allergia alimentare", che accusano gli alimenti di essere responsabili di problemi che vanno dall'iperattività nei bambini all'affaticamento cronico.

Altre affermazioni infondate accusano l'allergia alimentare di essere responsabile di artrite, scarsa prestazione sportiva, depressione e altri problemi.

sintomi

Un problema comune, che può essere una manifestazione di allergia alimentare, inizia nell'infanzia e di solito si verifica quando ci sono casi di malattie atopiche (ad esempio, rinite allergica o asma allergico) nella famiglia.

Il primo indizio di una predisposizione allergica può essere una eruzione cutanea come l'eczema (dermatite atopica).
L'eruzione cutanea può o non può essere accompagnata da sintomi gastrointestinali (ad esempio nausea, vomito e diarrea) e può essere o non essere stata scatenata da un'allergia alimentare.
Intorno al primo anno di vita, l'eczema spesso cessa di essere un grosso problema.

I bambini con allergie alimentari possono sviluppare altre malattie atopiche mentre crescono (ad es. Asma allergica e rinite allergica stagionale).
Tuttavia, negli adulti e nei bambini di età superiore ai 10 anni, è improbabile che il cibo sia responsabile dei sintomi respiratori, sebbene i risultati dei test cutanei possano rimanere positivi.

Alcuni individui hanno reazioni allergiche molto gravi a allergeni potenti e specifici negli alimenti, in particolare in noci / noci, verdure, semi e frutti di mare.

Gli individui con questo tipo di allergia alimentare possono presentare una reazione grave, anche quando consumano una quantità minima di cibo incriminato.
Possono avere un'eruzione generalizzata, sentire la gola gonfiarsi e chiudersi e può avere difficoltà a respirare.
Un calo improvviso della pressione sanguigna può provocare vertigini e svenimento.

Questa emergenza potenzialmente letale è chiamata anafilassi.
Alcuni individui presentano solo anafilassi quando si esercitano dopo aver ingerito cibo aggressivo.


Allergia e intolleranze alimentari!: allergia

il additivi alimentari può causare sintomi a causa di un'allergia o di un'intolleranza.

Alcuni alimenti contengono tossine o sostanze chimiche (ad es. Istamina) responsabili di reazioni avverse non allergiche.

Composti come il glutammato monosodico non causano allergie.

Solfiti (ad es. Metabisolfito, che si trova in molti alimenti contenenti conservanti) e coloranti (ad esempio, la tartrazina, una tintura gialla presente nei dolci, nelle bevande analcoliche e in molti cibi preparati, sono stati segnalati) e commercializzati) innescano attacchi di asma e orticaria in individui sensibili a loro.
Alcuni individui presentano emicrania dopo aver mangiato determinati cibi.

Generalmente le allergie e le intolleranze alimentari sono evidenti, sebbene non sia sempre facile distinguere tra una vera allergia e un'intolleranza.
Negli adulti, la digestione sembra prevenire le risposte allergiche a molti allergeni ingeriti.

Un esempio è l'asma da fornaio in cui i lavoratori della panetteria sibilano nella polvere della farina di frumento o di altri cereali, ma possono consumarli senza alcuna reazione allergica.

diagnosi

A volte i test cutanei aiutano a diagnosticare un'allergia alimentare.

Un test cutaneo positivo non significa necessariamente che l'individuo sia sensibile a un determinato alimento, ma un test cutaneo negativo rende improbabile la sensibilità.

Dopo un test cutaneo positivo, l'allergologo può aver bisogno di un challenge test orale per stabilire definitivamente la diagnosi.
In una prova orale, il cibo sospetto è nascosto in un'altra sostanza (ad es. Latte o succo di mela), quindi viene chiesto al soggetto di mangiarlo.

Quando il test non produce sintomi, il paziente non è allergico a quel cibo.

I migliori test di provocazione sono i test "ciechi", cioè a volte il cibo in questione è in realtà misto tra loro e talvolta no.
In questi test, il medico può determinare con certezza se il paziente ha sensibilità al cibo incriminato.

Una dieta di eliminazione può aiutare a identificare la causa di un'allergia.
L'individuo smette di consumare cibi che potrebbero causare i sintomi.
Successivamente, gli alimenti vengono reintrodotti nella dieta, uno alla volta.

Il medico può prescrivere una dieta iniziale utilizzando prodotti puri, che devono essere seguiti rigorosamente.
Questa dieta non è facile da seguire poiché ci sono molti prodotti alimentari nascosti come ingredienti di altri alimenti.
Ad esempio, il pane di segale ordinario contiene una farina di grano. Oltre agli alimenti o ai liquidi specificati nella dieta iniziale, nessun altro può essere consumato.

Non è consigliabile mangiare nei ristoranti, poiché il paziente e il medico dovrebbero conoscere tutti gli ingredienti contenuti in ogni pasto consumato.

trattamento

Non esiste una cura specifica per le allergie alimentari se non quella di non consumare i cibi che scatenano l'allergia.

Chiunque abbia una grave allergia, rash, orticaria (edema delle labbra e della gola) o mancanza di respiro dovrebbe stare molto attento a evitare cibi aggressivi.
La desensibilizzazione, attraverso l'ingestione di piccole quantità di cibo o l'uso di gocce sublinguali di estratti alimentari, non ha dimostrato efficacia.

Gli antistaminici sono di scarsa utilità pratica come agenti preventivi, ma possono essere utili nelle reazioni acute generalizzate con orticaria e angioedema (orticaria gigante).

Editoriale Video: Le allergie e le intolleranze alimentari

ÔĽŅ
Menu