La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Andrea Palladio

Fu il 30 novembre 1508 che nacque colui che, per la prima volta, integrò l'architettura con il paesaggio

Almeno questo era quello che Sir Nikolaus Pevsner (1902-1983), uno dei più importanti storici dell'architettura e del design, disse: "Per la prima volta nell'architettura occidentale, il paesaggio e l'architettura erano concepiti come appartenenti l'uno all'altro. Qui per la prima volta gli assi principali delle case si estendono nella natura, o, in alternativa, lo spettatore contempla la casa come coronamento del paesaggio. " Questo inglese di origine tedesca si riferiva a Villa Palladiana, una collezione di opere disegnate da Palladio e dai suoi allievi a Vicenza, un comune italiano del Veneto, patrimonio mondiale dell'UNESCO, dal 1994.

Andrea Palladio: dell

Andrea Palladio

Andrea di Pietro della Gondola, di nome Palladio, nacque a Padova e fu un notevole architetto del Rinascimento, che iniziò a scolpire pietre nell'atelier di Bartolomeo Cavazza. Più tardi, influenzato da Vitruvio e Alberti, era diventato un famoso costruttore, al punto di essere accettato nell'Accademia di Firenze. Già consacrato, scrisse un trattato essenziale sulla storia dell'architettura, i Quattro Libri dell'Architettura, abbondantemente illustrati, che insieme al "De Architetura" del menzionato Vitruvio, architetto romano del primo secolo, diventa il trattato più influente sull'architettura di tutti i tempi.

Andrea Palladio: andrea

Almerico Capra, Villa palladiana

Ritornando a Villa Palladiana, questa serie di splendide residenze, sede dell'alta borghesia della Repubblica di Venezia, era composta da ventiquattro edifici perfettamente integrati con il paesaggio composto da vaste distese di campi coltivati ​​e vigneti. Il suo idealizzatore pensava che la casa non fosse solo il centro della proprietà, ma anche uno spazio di salute, benessere, studio e riflessione, dove proprietari e lavoratori dividessero razionalmente il corpo centrale dell'edificio con fienili e altri ambienti di servizi. Questo ha funzionato come una risposta alla necessità di un nuovo tipo di residenza rurale, incorporando nella vita quotidiana di persone, giardini, peschiere, orti e frutteti, disposti in modo ordinato, come la vita del XVI secolo ha richiesto e rispettato il pieno sentimento di una civiltà che cercava di ottenere un rapporto armonioso con la natura senza, tuttavia, danneggiare lo squisito modo di vivere degli abitanti di quel tempo.

Andrea Palladio: palladio

Giardino Palladiano

Palladio è una "chiave" per discutere la modalità abitativa che è stata progettata in Brasile dai primi anni 1970. Lo scenario paesaggistico-architettonico insiste nel preservare le icone europee che nell'immaginario di molti rappresentano erroneamente potere e status. Dal 1816, quando la missione francese sbarcò sulle terre brasiliane, soffrimmo con l'influenza di un'architettura del paesaggio che non ha nulla a che fare con il nostro clima e le nostre abitudini.

Il 21° secolo richiede uno stile autenticamente brasiliano. Perché? Perché siamo un popolo con tragedie e commedie che ci individuano... nel bene e nel male!

Editoriale Video: Patrimoni dell'UNESCO - VICENZA E LE VILLE DEL PALLADIO NEL VENETO


Menu