La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Carnevale

Il carnevale, o entrudo come si chiamava questo partito dedicato al re Momo, a metĂ  del XIX secolo, era piuttosto primitivo e primitivo. Debret dipinse i primi tentativi di impiantare questa tradizione importata dalle Azzorre, dove suonavano con i limoni fatti di cera e acqua profumata.

Non era insolito per l'Imperatore e per i suoi ministri giocare con uova marce e foglie di vegetazione, immergendo le ricche vesti fatte di sete, velluti e broccati. Dom Pedro II stesso finì in uno di questi giochi, nel bel mezzo di un serbatoio d'acqua, per divertimento generale, e vede che il nostro Imperatore era considerato un uomo severo e talvolta taciturno.

Fu in questo momento, nel 1840, che il primo ballo in maschera, con una forte influenza francese, si svolse a Rio de Janeiro. Ma per le strade, la tradizione era portoghese, con molta acqua, farina e gruppi che cantavano per le strade.

Il carnevale è diventato popolare in tutto il Brasile e ha avuto altre influenze, a Bahia, ad esempio, gli africani hanno portato gli Afoxé, che erano gruppi di neri che cantavano a Nagô, vestiti con abiti colorati e lussuosi. Nel Pernambuco il frevo apparve nel 1909, quando le persone collegarono la danza frenetica con qualcosa che stava bollendo, che prese fuoco.

Un personaggio sorprendente e storico è stato il calzolaio José Nogueira de Azevedo Paredes, che ha portato una tradizione nota come "Zé Pereira" a Rio de Janeiro, dalla sua terra nel nord del Portogallo. Zé Pereira è stato formato da un gruppo di carnevale che, alla vigilia del carnevale, ha sfilato annunciando la festa con tamburi, zabumbas e altri tamburi facendo un rumore assordante e cantando:

"Viva the ZĂ© - Pereira
Che nessuno fa il male
E vivi l'ubriachezza
Nei giorni di carnevale! "

Questo divertente lusitaniano sfilò per la prima volta, cantando questa marchinha nel 1846.

Oggi le sfilate sono lussuose e non ricordano i timidi isolati di Zé-Pereira, né quei festaioli vestiti da scheletri, che indossavano maschere e abiti del defunto in modo che potessero incarnare parenti e amici morti e far finta che anche loro si divertirebbero.

Buon martedì grasso a tutti i nostri amici nel "Giardino delle idee"!

Autore: Raul Cânovas

Editoriale Video: CARNEVALE ALE' - video cartoon - la sigla del tuo Carnevale


Menu