La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Rifiuti Di Compostaggio

Rifiuti di compostaggio: Albert

Per oltre un secolo il signore britannico Sir Albert Howard aveva condotto esperimenti di grande successo con i rifiuti domestici in India, trasformando la lettiera in compost; certo non fu l'inventore di questo processo, ma fu, sembra, il precursore nell'uso di questo tipo di fertilizzante naturale.

Il composto organico apparve accanto alle prime piante; qualsiasi verdura, foglia o frutto, che cade a terra si decompone in modo aerobico, cioè prelevando direttamente ossigeno dall'aria. Quello che ha fatto Sir Albert Howard è stato velocizzare il processo usando la seguente ricetta:

ricetta

Metti uno strato di 15 cm di detriti da giardino in un terreiro piatto; su di esso, uno strato di 5 cm di concime bovino, che dovrebbe essere coperto dalla terra setacciata; subito dopo si deve cospargere il calcare di dolomite (200 g per m2). Gli strati devono essere ripetuti fino a raggiungere un'altezza di 1,5 metri.

Il letame può essere sostituito da farina di ossa e si possono aggiungere rifiuti domestici: verdure, gambi, foglie, frutta, bucce (eccetto per agrumi come limone e arancia), ossa, piume, cespuglio, guscio d'uovo, polvere di caffè, foglia di tè, cenere, carta, letame (con l'eccezione di feci di cani e gatti), tra gli altri.

Non devono essere utilizzati: plastica, batterie, Tetra Pak, occhiali, detriti di medicinali, vernici, grassi, pesticidi, batterie e residui di carne in eccesso.

È importante innaffiare la miscela una volta alla settimana; l'umidità e il calore (circa 70° C) provocano la fermentazione. L'ideale è realizzare un composito quadrato, in mattoni o in legno; scatole di filo metallico o fusti metallici forati sono anche forniti per la produzione del composto che dovrebbe essere coperto con una plastica nera.

Affinché i batteri lavorino alla decomposizione della miscela è importante mantenerla umida annaffiandola periodicamente. I dissipatori di rifiuti organici sono di grande aiuto perché riducono i piccoli frammenti di rami, foglie, cortecce e altri residui, accelerando il risultato.

Un secondo compost aiuterà nella rotazione dell'operazione: mentre uno ha il materiale pronto per l'uso, l'altro compost sarà fabbricato per le settimane successive (0,5% di azoto, 0,6% di fosforo, 0,5% di potassio ).

Autore: Raul Cânovas

Editoriale Video: Viaggio all'impianto di Montello (BG), dove finisce l'"umido" dei milanesi


Menu