La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Enlil-Bani, Il Giardiniere Che Era Re

Oggi è un giorno speciale: il Gardener's Day. E per celebrare questa data speciale per noi, Raul Cânovas ci racconta la bella storia di un giardiniere che divenne re.

Enlil-bani, il giardiniere che era re: enlil-bani

Era un giardiniere, ma non un giardiniere (nonostante la stima che ho per chiunque si preoccupi dei giardini). Era il grande giardiniere del potente Erra-Imitti, la maestà della mitica Babilonia, un regno che si trovava a 80 km a sud dell'attuale Baghdad, la capitale dell'Iraq.
Tutto questo molto prima dell'era cristiana e molto prima che Nebuchadnezzar costruisse i giardini adorabili, che sarebbero diventati una delle sette meraviglie del mondo.

Questo re, sempre all'inizio di ogni anno, scelse un soggetto che occupò il trono per un giorno, solo un giorno, e questa scelta cadde su un vassallo, un soggetto di grande prestigio, anche se il sovrano di Babilonia non avrebbe ceduto la sua corona a chiunque, nonostante sia solo per ventiquattro ore. Settimane prima dell'elezione il regno era in subbuglio generale e la corte, che evidentemente aveva più contatti con l'onnipotente Erra-Imitti, tanto più, perché in qualche modo intendeva influenzare mettendo le sue preferenze personali (è, non è ora che questo accada).

Il più bizzarro di tutti è che il prescelto, dopo quel glorioso giorno in cui fu onorato da tutti come l'uomo più potente del regno, fu sacrificato agli dei davanti alla folla in una cerimonia in cui i sacerdoti non risparmiavano la pompa e vedevano voi, anche allora, la gente del tempo considerava questo onore come un vero dono divino; Non sono sicuro se per il fatto di immolazione, sull'altare dedicato a Gilgamesh, o pura megalomania. Alla fine della giornata ci sono pochi che portano le loro manie di grandezza alle conseguenze ultime, anche ai giorni nostri.

Ma, riprendendo la storia, l'uomo scelto dal re quell'anno era Enlil-Bani, un giardiniere dedicato che fino a quel momento aveva fatto le gioie di tutti, coltivando le piante più esotiche, provenienti dalle terre più strane.

Fino ad oggi non è noto cosa abbia motivato il grande monarca nella sua scelta. Si sa che morì improvvisamente, proprio in quel giorno, nel giorno in cui fu sostituito dal suo giardiniere, che sarebbe rimasto sul trono per ventiquattro anni fino alla morte. Ironico per il quale regnava ventiquattro ore; è come se avesse magicamente trasformato le ore in anni.
Questa è la storia del giardiniere che divenne re, e sembra che fosse un buon re. La vera storia, è accaduta quasi quaranta secoli fa e ricordo ora di rendere omaggio a tutti i giardinieri (e giardinieri, perché no?) Alla data in cui celebrano il giorno di tutti loro.

Forse possiamo ancora sognare un buon giardiniere per governarci. Perché no?

Autore: Raul Cânovas

Editoriale Video:


Menu