La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Il Segno Dei Tropici

Perché le regioni vicino alla linea di Equator soffrono maggiormente della deforestazione?

Il segno dei tropici: vegetazione

Non si tratta di paesi, ma di aree con caratteristiche proprie in cui la temperatura è più elevata e il regime delle piogge (ad eccezione del sud del Sahara e della penisola arabica) stampa paesaggi con una vegetazione lussureggiante nelle foreste tropicali. Nelle savane dell'Africa, dell'America centrale e meridionale, dell'Asia meridionale e dell'Australia settentrionale dove, nonostante la poca acqua, ci sono anche circa duemila specie di erbe e piccoli arbusti e circa millecinquecento specie di alberi.

Il segno dei tropici: alla

Lagos, capitale della Nigeria

Nonostante tutta questa ricchezza, è proprio in questi luoghi, con una flora notevole e un clima generalmente equatoriale e piacevole, che la vegetazione soffre di più con l'intervento umano. Ad alta temperatura; tra 24° e 27° C, con una media mensile sempre superiore a 18° C e precipitazioni elevate, vicino a 2000 mm all'anno, facilita lo sviluppo di formazioni vegetali, determinate dalla preponderanza di alberi di medie e grandi dimensioni. La biodiversità è la più alta del pianeta. Quindi, qual è la ragione per cui questi biomi soffrono di desertificazione? Non meno del 40% della Terra soffre di questo problema, coinvolgendo - secondo i meteorologi - 2,6 miliardi di esseri umani, cioè un terzo della popolazione mondiale. Nel nostro paese, un'area di oltre un milione di metri quadrati soffre di desertificazione, a causa dell'incendio che facilita la "pulizia" del suolo, beneficiando temporaneamente di un'agricoltura che si risente ogni volta con la perdita di sostanze nutritive, la copertura forestale distrutta, viene rapidamente percolata dalle piogge tropicali, molto più pesante e violenta che nelle regioni temperate.

Il segno dei tropici: della

Street a San Francisco, Stati Uniti d'America

Tuttavia, in qualità di paesaggista, non voglio soffermarmi su questioni relative alla gestione agricola. Voglio vedere cosa succede alle città. Da San Paolo a Città del Messico, da Medellin a Manila, passando per Lagos, Nigeria, Giacarta, Bombay e molte altre città popolate, situate tra il Tropico del Cancro e il Tropico del Capricorno, abbiamo osservato che le persone hanno sostituito la vegetazione nativa con strade ed edifici, rendendo queste città inquinate e stressanti. Molto diverso dai centri urbani di Europa, Nord America, Sud Africa, Giappone, Corea del Sud e Australia meridionale, territori situati al di fuori dell'area occupata tra i tropici. Città come San Francisco, Vancouver, Copenhagen, Londra, Vienna, Parigi, Tokyo e Barcellona sono famose per la cura dei loro alberi. Certo, non sono culturalmente o socialmente meno sviluppati, al contrario, eccellono per la tecnologia avanzata e il benessere dei loro cittadini.

Qui, dobbiamo solo sperare che la regione meridionale del paese continuerà a valutare il verde urbano e infettare il resto del Brasile con la sua politica di imboschimento, forse usando Curitiba come standard di questa crociata.

Autore: Raul Cânovas

Editoriale Video: laggiu nel paese dei tropici


Menu