La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Fiori Commestibili

L'uso dei fiori in cucina, non solo come ornamenti, ma aggiunge anche sapore ai piatti sta diventando più frequente. Nella città di Cerquilho, distante 140 km da San Paolo, il produttore di queste floríferas, Débora Orr, coltiva più di 30 specie. Sono: perfetto amore, calendule e cappuccini, tra gli altri, che sono stati così ricercati in produzione triplicata negli ultimi tempi. Attualmente vengono venduti 4.000 fiori a settimana per integrare insalate e piatti caldi.

Fiori commestibili: anche

Il famoso chef, Ferran Adrià, del ristorante El Buli in Spagna, propone un piatto che è una schiuma decorata con 14 fiori diversi. Dovrebbero essere assaggiati uno ad uno per sentire le peculiarità di ogni specie, sia nei sapori che nei profumi. Qui intorno, Alex Atala, del ristorante D.O.M., prepara un risotto allo zafferano con tempura di zucchine e un ingresso battezzato con piselli in acqua di lattuga, con fiori di borragine.

Secondo il nutrizionista, gli osservatori del peso, la Sônia Almeida, le vitamine, i minerali (ferro, calcio e potassio) e gli antiossidanti che questi fiori hanno, contribuiscono alla salute. La rosa, il cappuccino e il tarassaco sono ricchi di vitamina C, quest'ultima ricca anche di beta-carotene. D'altra parte i fiori hanno poche calorie (circa 40 kcal per 100 g). Questo, ovviamente, dipende dalle ricette: negli anni sessanta dell'era vittoriana, le signore inglesi preparavano, per accompagnare il tè dei cinque, petali di rosa cristallizzati, ricoperti di albume d'uovo e acqua, che al momento del servizio erano cosparso di zucchero.

Più leggeri, i fiori possono dare aromi a vini, liquori, oli d'oliva e aceti. Possono essere utilizzati per marmellate e succhi, insalate, sottaceti e conserve e una serie infinita di altre ricette. Sono belli quando vengono usati all'interno dei cubetti di ghiaccio, per rinfrescare limonate e altri succhi.

Ci sono molte scelte: zucca, borragine, agave, verbena al limone, rosa geroglifica, camomilla, aneto, carambola, zafferano, cravina, girasole, ipê-rosa, viola e ibisco.

È importante che la coltura sia priva di pesticidi chimici e che i produttori siano registrati per lo scopo alimentare.

Autore: Raul Cânovas

Editoriale Video: Parliamo di fiori commestibili insieme ad un grande esperto


Menu