La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Fiori Nel Mare

Vivevano su una scogliera nel Mar Arabico. Il suo nome era Muntasir, che potremmo tradurre come vittorioso. Era Azhar, fiori in lingua araba

Fiori nel mare: mare

Solo gente del posto, la coppia di fenicotteri viveva isolata da tutto e da tutti. Misteriosamente le uova che li hanno originati si schiudono per caso e loro erano lì, lontani dall'isola di Socotra, dove vivevano altri uccelli e molte piante rare. Azhar e Muntasir, apparvero all'improvviso come se fossero stimolati dalla leggenda della fenice che, dicono, era rinata da qualche parte nelle ceneri stesse. Erano una bella coppia, era alto un metro e ottanta, e lei era una mano più corta; aveva un piumaggio rosa biancastro, essendo più scuro nelle piume che coprivano le ali, in contrasto con altri neri che apparivano quando volavano; i piedi, le zampe e il becco di un pallido rossiccio con la punta di quest'ultimo anche nera, creavano un'incredibile armonia.

Fiori nel mare: mare

Fenicottero rosa (Phoenicopterus roseus)

Ma non tutto era felicità. Questa scogliera era troppo arida, e sebbene non mancassero alghe, gamberetti e piccoli molluschi, non avevano nulla da coltivare su queste rocce scoscese e Azhar doveva nutrire la sua anima di fiori. Dopotutto, non era facile per lei portare questo nome e non essere in grado di contemplare il colore dei petali di ogni pianta. Con abilità tipicamente femminili, chiese a Muntasir di portare dei semi da piantare tra le pietre dell'isolotto. Ed eccolo, volando basso verso Socotra, in cerca di fiori. Il posto era magico e tutti i sensi del fenicottero erano attenti alla novità. Sentiva l'odore dell'incenso bruciato dai boschi di incenso. Il vento secco ostacolava fortemente il volo che, tuttavia, gli permetteva di osservare dall'alto una vegetazione che potremmo definire insolita.

Fiori nel mare: coppia

Dragoena (Dracaena cinnabari)

Quest'isola, che è la più grande dell'arcipelago, ha una flora particolare, che non si trova da nessun'altra parte del pianeta. L'albero del sangue del drago (Dracaena cinnabari), con la strana apparenza di un enorme ombrello e la cui linfa è rossa; una pianta succulenta (Dorstenia gigas) che sembra un baobab in miniatura; l'albero di cetriolo (Dendrosicyos socotranus) della stessa famiglia della zucca e del melone, ma alto tre metri; un melograno preistorico di frutti rosa (Punica protopunica); l'Aloe perryi con foglie di fiori rosa e viola e persino minuscole piante carnivore, insieme a molte altre che ammontano a quasi mille specie, essendo una terza esclusiva di Socotra, abbagliano chiunque.

Fiori nel mare: Azhar

Dorstenia gigas

Bene, non chiunque! Il re Gilgamesh, che era il figlio di un fantasma 4.500 anni fa, passò; Sinbad, il marinaio, delle Mille e una notte; la celebre regina di Saba; l'esploratore veneziano Marco Polo; Zheng He, con la sua flotta di 63 navi e 27.000 membri dell'equipaggio, un secolo prima dei viaggi di Colombo. E Alessandro Magno, che, convinto da Aristotele, invade l'isola in cerca di incenso, mirra, spezie, estratto di aloe medicinale e sangue di drago, la linfa della dracena rossa, usata in medicina e in tintura.

Fiori nel mare: Azhar

Cetriolo (Dendrosicyos socotranus)

Come puoi immaginare, Muntasir non ha avuto problemi a trovare i semi che doveva portare ad Azhar. Li gettò nelle fessure della roccia, e in breve tempo le ripide scogliere si vestirono di colori che dividevano l'azzurro del mare blu dal cielo. Un giardino in mezzo all'oceano rendeva felice la coppia di fenicotteri che, secondo gli uccelli che li visitavano, vivevano per sempre, grazie alla misteriosa sostanza che emanava il nettare di un fiore.

Autore: Raul Cânovas

Editoriale Video: DARK POLO GANG - FIORI DEL MALE FT SFERA EBBASTA (Prod. by Sick Luke & Charlie Charles)


Menu