La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Curiosità E Storie Di Piante Che Hanno Fatto Moda Nei Giardini Brasiliani

Terza parte: pianto, bromelie, orecchini principessa.

Dopo la prima guerra mondiale

Clivia miniata (clivia) fu pesantemente coltivata a San Paolo negli anni 1920, proviene da Capo Boa Esperança. Allo stesso tempo, la Murraya exotica (falso-mirto) è piantata a Rio de Janeiro, dai pittori paesaggisti di Rio.

Negli anni '30, gladioli, gerbere e dalie ispirano le aiuole fiorite della metropoli brasiliana, la popolarità delle dalie raggiunge il punto culminante di essere coltivata 3 mila varietà diverse, un'altra delle piante preferite è la Gardenia jasminoides (gelsomino), che arrivò in Europa dalla Cina nel 1754. Intorno alla stessa ora, Petrea subserrata (flor-de-são-miguel) appare nei giardini di Bahia, Espírito Santo, Rio de Janeiro e São Paulo; anche oggi questo vitigno di fiori viola è una presenza abituale nei progetti paesaggistici. La Zantedeschia aethiopica (bicchiere di latte) è una delle piante simbolo dell'Art Déco.

Curiosità e storie di piante che hanno fatto moda nei giardini brasiliani: storie


Clivia miniata.

Avenida Paulista

Quando l'Avenida Paulista viene inaugurata all'inizio del secolo, vengono piantate magnolie e piantaggine; Più tardi, nel 1908, questo viale subì la prima ristrutturazione, i ligustros e gli ipes furono progettati sotto forma di centri commerciali.

bromeliacee

Alla fine del XIX secolo, una pianta brasiliana divenne oggetto di desiderio in Inghilterra: l'ananas. Vengono pubblicati libri che insegnano come coltivarlo e ottenere frutta; ci sono incisioni e persino sculture in pietra.

Influenze europee

Nell'era vittoriana, lo stile Chinoiserie regna, così tante piante provenienti dalla Cina e dal Giappone entrano in Europa e presto qui in Brasile; i più notevoli sono: Howea belmoreana (palma-kentia), molto usata nei cachepôs rossi con dettagli in bronzo; Aspidistra elatior (aspidistra), Begonia rex (begonia), Solenostemon scutellarioides (cóleus), Viola tricolore (viola del pensiero), questo era il fiore preferito tra il 1810 e il 1870 nei giardini inglesi e, poco dopo, negli Stati Uniti orientali. Il Pelargonium zonale (geranio) fu introdotto in Europa nel 1609, grazie a un messaggio del governatore olandese di Città del Capo, in Sudafrica; è stato inizialmente reso popolare ad Amsterdam ed è stato ampiamente utilizzato nei giardini residenziali di Rio de Janeiro e São Paulo, 100 anni fa.

Curiosità e storie di piante che hanno fatto moda nei giardini brasiliani: anni


Howea belmoreana (palma-kentia).

Inizi del XX secolo

A quel tempo, Fuchsia (orecchino principessa) era un vitigno molto diffuso, ma dopo la prima guerra mondiale cadde in disuso. A Higienópolis è stata piantata l'Aglaia odorata (aglaia), rafforzando il concetto di quartiere impeccabile, poiché quest'albero ha fiori profumati e foglie luminose, oltre a un formato stretto che lo indicava per i ritiri laterali. La Salix babylonica (chorão) comincia ad essere utilizzata negli stati meridionali del paese, intorno al 1910, per coltivare laghi e ruscelli.

Foto: Kenpei

Curiosità e storie di piante che hanno fatto moda nei giardini brasiliani: storie


Salix babylonica (piangendo)

Autore: Raul Cânovas

Editoriale Video: Global Warming or a New Ice Age: Documentary Film


Menu