La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Come Dimensionare Un Circuito Elettrico?

Come dimensionare un circuito elettrico?

Per il corretto dimensionamento di un circuito elettrico, dobbiamo prima considerare tutte le apparecchiature e i componenti che verranno collegati (lampade, frigoriferi, riscaldatori, prese elettriche e altro).

Come dimensionare un circuito elettrico?: elettrico

Da lì, è necessario calcolare la corrente elettrica che circolerà attraverso il circuito e scegliere la sezione corretta dei conduttori, cioè la sua "dimensione".

Quando una corrente elettrica passa attraverso un conduttore, si riscalda in modo naturale e la temperatura massima che può sopportare non può essere superata, con il rischio di gravi danni all'isolamento.

Se una corrente è eccessiva, dovrebbe essere scelto un conduttore più grande.

Per garantire che la corrente non sia maggiore di quella consentita nei conduttori, gli interruttori automatici devono essere installati nei light box, che fungono da "guardie del corpo" dei cavi, spegnendo automaticamente il circuito in caso di problemi, sovraccarico o cortocircuito.

Questo dispositivo deve essere scelto attentamente per essere coerente con il tipo di driver.

I criteri di progettazione di un circuito elettrico sono definiti nella norma tecnica applicabile dell'ABNT e il progetto deve essere eseguito solo da professionisti qualificati e qualificati.

standard

Secondo NBR 5410 i tipi di "sistemi di distribuzione" sono determinati in base a:

a - schema del conduttore dal vivo

b - schema di messa a terra

Lo standard considera il seguente schema di conducenti dal vivo:

a - Corrente alternata
- monofase a 2 conduttori
- monofase a 3 conduttori
- bifasico a 3 conduttori
- trifase a 3 conduttori
- trifase a 4 conduttori

b - Corrente continua
- 2 conduttori
- 3 conduttori

Cos'è il cortocircuito?

Cortocircuito è il passaggio di corrente elettrica sopra la normale in un circuito a causa della brusca riduzione dell'impedenza dello stesso.

Normalmente il cortocircuito provoca danni sia al circuito elettrico in cui si verifica che all'elemento che ha causato la riduzione dell'impedenza.
Un esempio di cortocircuito, che è accidentalmente comune nelle case, si verifica quando le estremità di un filo sono poste nei fori di una presa.

I cortocircuiti generano generalmente reazioni violente dovute alla dissipazione istantanea di energia, come esplosioni, calore e scintille.
È una delle principali cause di incendi in installazioni elettriche poco curate o con errori di progettazione.

fonti: Wikipedia / elettromagneti

Editoriale Video: Analisi di un circuito elettrico


Menu