La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Paesaggistica E Tecnologia

Paesaggistica e tecnologia: aiuole

Quando pensiamo al giardinaggio, un vecchio con la barba bianca viene alla nostra testa, coronato da un cappello di paglia opportunamente maltrattato. Immaginiamo anche che mescolare aiuole e potare cespugli di rose sia un compito tipico delle donne, come quello che recita nel film "American Beauty".

Ovviamente questi personaggi esistono nella vita reale e raggiungono anche un relativo successo, brandendo forbici, pace e altri accessori. Sono artigiani del verde e fedeli alla tradizione: setacciano terra sulle loro braccia, usano annaffiare gli scatoloni e spaventano gli uccelli dalle aiuole, appena seminati da orrendi spaventapasseri.

Non c'è dubbio che tutto questo è abbastanza romantico e trasforma il compito del giardiniere dilettante in qualcosa di bucolico e, in un certo senso, rilassante. Tuttavia, la tecnologia è avanzata a tal punto da invadere il settore senza alcun sentimento di colpa, che fino a poco tempo fa era poetico e piuttosto rudimentale.

A partire dagli anni '60, quando fu lanciato il tosaerba elettrico, la scienza iniziò a dare all'industria il mezzo per immettere sul mercato dei consumatori una serie di "gadget" per il giardiniere di oggi. Dopo questa falciatrice, Flymo ha inventato una falciatrice galleggiante, che ha alleggerito il compito di potare i prati sui pendii. Come puoi vedere, in meno di due secoli siamo passati dall'hacking alla tecnologia d'avanguardia. Per non parlare dei prodotti che, spruzzati sulle aree erbose, rallentano la crescita e riducono la manodopera.

Oggi, sia i giardinieri che gli hobbisti hanno la possibilità di risparmiare tempo, sforzi e risultati ancora migliori. Tutto grazie a strumenti come le lame per sega telescopiche Stihl, che tagliano i rami degli alberi in modo accurato ea distanza, o pulitori di erba, che aiutano molto a mantenere un giardino asciutto e privo di foglie ora nella prima stagione secca.

I coltivatori di alberi, arbusti e altre specie paesaggistiche hanno migliorato la produzione grazie a substrati di corteccia di pino, bio-stabilizzati e arricchiti con sostanze nutritive e altri elementi. A seconda della formula della piantina da produrre, gli ormoni consentono anche il radicamento rapido e sicuro delle talee che in seguito si trasformeranno in piante. Inoltre, i sistemi di irrigazione, dotati di timer e sensori di umidità, permetteranno a queste piantine di svilupparsi in modo soddisfacente, risparmiando acqua e razionalizzando la manodopera.

Non solo la tecnologia è entrata in ufficio prendendo i computer, o nelle industrie che montano robot, ma è anche uscita in giardino con una serie di vantaggi che rendono più semplice creare e prendersi cura degli spazi verdi.

Autore: Raul Cânovas

Editoriale Video: 16/5/2017 - La semplificazione dei procedimenti di tutela paesaggistica


Menu