La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Origine Degli Spiriti

Origine degli spiriti: degli

Come definire una bevanda così inebriante? Pozione d'amore, balsamo, elisir di lunga vita, misterioso bere degli alchimisti? Forse i liquori, misteriosamente, sono un po 'di ogni ipotesi. Indipendentemente dal nome in codice che ricevi, l'importante è entrare in questo delizioso universo e prendere da esso tutto il piacere che questa bevanda può darci.

Per quanto riguarda la sua origine, la creatività della gente va anche oltre la sua stessa definizione. Racconta la leggenda che una giovane ragazza disprezzata dal suo grande amore, cercò di riconquistarla in tutti i modi. Comprendendo che tutti i suoi sforzi erano inutili, decise di preparare una miscela di frutta e erbe fini, estraendo una bevanda dolce, gustosa e afrodisiaca. Se sei riuscito a vincere il giovane, nessuno lo sa fino ad oggi. Ma, abbastanza sicuro, ha lasciato una bevanda deliziosa.

Un'altra versione per la creazione di liquori è attribuita alle streghe, che, sotto le spoglie di belle donne giovani, preparavano con frutta ed erbe una pozione che aveva il misterioso potere di unire per sempre le coppie di innamorati.

Tralasciando la fantasia, la versione più probabile dell'origine dei liquori è che sono nati nelle pozioni e negli sciroppi fatti in casa di erbe e frutti medicinali che le donne del popolo hanno fatto per curare i mali più diversi dello stomaco, tosse tra l'altro.

Entrando nella storia, troviamo i cinesi, ci sono più di 800 aC con l'abitudine di bere una bevanda distillata, preparata dalla fermentazione del riso, molto simile al liquore. Inoltre, molti paesi europei, come Gran Bretagna, Francia, Italia e pochi altri, hanno prodotto bevande simili al nostro LIQUOR da tempi remoti.

Ma il grande aumento della produzione di liquori avvenne con il processo di ottenimento dell'alcool attraverso la distillazione e la fermentazione, sviluppato dagli arabi nel secolo X. Da quella data, gli alchimisti arabi decisero di usare l'alcol nelle sue medicine preparate con erbe medicinali, aprendo la strada per fare bevande famose.

Più tardi, l'alchimista catalano Arnould Villeneuve, nell'anno 1250, riuscì a estrarre i principi aromatici delle erbe per la prima volta, lasciandoli in macerazione nell'alcool, conservando l'essenza e tutte le proprietà. Questa procedura ci ha permesso di conoscere il liquore come lo conosciamo oggi.

Ai monaci, dobbiamo la scoperta dei liquori più famosi del mondo. La storia ci dice che nel sedicesimo secolo, verso il 1510, il famoso monaco benedettino D. Bernardo Unicelli, nella città di Fechamp, in Francia, creò il famoso liquore Bennediettine, composto da ventisette erbe. Ai monaci certosini dobbiamo la scoperta del liquore Cartreuse, composto da 130 erbe diverse, conosciute a livello internazionale per la sua leggerezza e sapore. Anche l'Amaretto, preparato con mandorle dolci e miele, è tra i tre liquori più conosciuti e richiesti al mondo. Tutte queste ricette sono conservate fino ad oggi sotto sette chiavi.

In Brasile, nelle splendide fattorie dei tempi imperiali, basi e cameriere dei grandi maestri dell'ingegno, hanno fatto scoperte di ricette estremamente gustose, date non solo dalla varietà di sapori e dall'odore dei frutti trovati qui, ma anche dalla creatività dei nostri cuochi.

di Luciane Vieira Garcia

Autore: Raul Cânovas

Editoriale Video: Recensione: La casa degli spiriti | L'Origine dei Sogni


Menu