La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Patrick Blanc, Creatore Di Giardini Verticali

Il botanico parigino mi ha sorpreso delle sue conoscenze tecniche

Patrick Blanc, creatore di giardini verticali: delle

Raul Cânovas e Patrick Blanc a Parigi.

Ero con lui esattamente un mese fa. Siamo di fronte al museo del quai Branly, al Museo delle Arti e delle Civiltà dell'Africa, dell'Asia, dell'Oceania e delle Americhe, a pochi metri dall'iconica Torre Eiffel. Questo edificio, progettato da Jean Nouvel, riceve molti visitatori, ma la maggior parte si accontenta di contemplare l'enorme muro coperto da migliaia di piante che coesistono armoniosamente, nascondendo la freddezza della costruzione. Il "Le Mur Vegetal", come viene chiamato da quest'uomo di 59 anni, è stato realizzato con un ingegnoso sistema in PVC, spesso 10 mm, supportato da una struttura metallica, in cui sono stati applicati due strati di poliammide, un polimero termoplastico resistente all'umidità e alle variazioni di temperatura. In esso sono state piantate diverse specie che contrastano colori, forme e volumi, come la Saxifraga stolonifera, la Begonia monophylla, la Pilea nummulariifolia, insieme alle felci e alle erbe.

Patrick, con i suoi capelli dipinti di verde, con sfumature dello stesso colore, mi ha sorpreso con la sua conoscenza della flora, sia quella tipica della Francia, che sostiene i raffreddori intensi, come il nostro, qui ai tropici. Abbiamo parlato di famiglie vegetali specifiche che potrebbero essere utilizzate in Brasile nei giardini verticali. Solo per verificare fino a che punto padroneggiava la conoscenza delle specie, menzionai le piperacee, le gesneriaceae, le crassulacee, le azoacee e le marantacee. All'improvviso, con mio grande stupore, mi interruppe dicendo che i Maranta non si sarebbero sviluppati bene, perché la loro crescita verticale non sarebbe stata adatta a questi giardini verticali. Ho davvero dimostrato di sapere molto sulle piante e che il tuo lavoro è molto serio, non limitato solo a un impatto visivo, con l'intenzione di minimizzare gli effetti della temperatura e dell'inquinamento e di ammorbidire il grigio delle città.

Patrick Blanc, creatore di giardini verticali: patrick

Il giardino verticale di Patrick Blanc al FAAP, a San Paolo.

A Chaumont-sur-Loire ho visto il suo primo progetto, realizzato per un festival di giardini che si tiene ogni anno in questa piccola città di soli 1.100 abitanti, a 170 chilometri da Parigi. Lì, nel 1994, creò due muri dove le piante prosperarono, aumentando di dimensioni senza la necessità di alcuna manutenzione speciale, oltre all'acqua pulita e alla concimazione fogliare. Questo mi porta a pensare a molti giardini verticali che vedo qui, dove le piante vengono sostituite periodicamente, annullando completamente l'intenzione di questo francese che ha creato un meccanismo sostenibile e semplice in cui tutto coesiste in equilibrio, proporzione e pace.

Patrick Blanc ha già piantato più di trecento giardini verticali e non ha mai smesso di viaggiare per il mondo, ricercando piante che userà nelle sue creazioni. Il mio incontro con lui ha lasciato un messaggio molto chiaro: il marketing personale, che prende sul serio, è necessario. Tuttavia, la conoscenza tecnica per preparare un buon progetto paesaggistico è fondamentale.

Autore: Raul Cânovas

Editoriale Video: Intervista a Patrick Blanc - ITA


Menu