La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Regolamentazione Della Professione Paesaggistica - Parte Ii (Seguito)

Commento del lettore Patrícia Arruda

Regolamentazione della professione paesaggistica - Parte II (seguito): parte


Progettista del paesaggio

"Mi è piaciuto il testo di Helena per una breve spiegazione di cosa sia un paesaggista, che forse con questa definizione dovremmo avere a livello nazionale circa il dieci percento, mentre l'altro novanta percento sono giardinieri. vedere progetti architettonici ben progettati con un design moderno e audace e diverse piante da sole in luoghi infestati e viceversa, piante che raggiungono una dimensione gigantesca in luoghi con poco spazio. Rimane il dubbio: un biologo, un ingegnere forestale, un agronomo, autodidatta, con un po 'di passione, ricerca e dedizione al suo lavoro, quando viene trattato come un giardiniere se si sente offeso?

Penso solo che i professionisti con un background accademico e prestazioni professionali eccellenti dovrebbero piuttosto essere riconosciuti e non messi in un "pacchetto" ed essere tassati. Dico questo perché non ho un background accademico e non significa che non sia importante, ho lavorato con il paesaggio per tre anni, cioè "giardinaggio" secondo la nostra cara Helena, ma questo non mi importa perché faccio i disegni di allo stesso modo e nessun prezzo da pagare per la soddisfazione di vederli uscire dallo schermo del computer e prendere forma nelle case dei miei clienti.

Quando vengono da noi per portare avanti i loro progetti, sono indicati da altri clienti soddisfatti. Non c'è alcun rifiuto, dal momento che molti paesaggisti cercano di imporre il loro desiderio, il loro buon gusto, senza tener conto delle necessità del cliente. È comune sentire le loro lodi, dopotutto sono loro che vivranno con il colore delle piante e l'aroma dei fiori. Il giardino che viene lasciato da parte nella questione, è una parte fondamentale nell'armonia di una famiglia, perché è lì che accadono i principali eventi di una casa, o in un lago ornamentale per dimenticare la routine del giorno in giorno vedendo i pesci e gli uccelli bevono l'acqua del lago, fanno dimenticare l'amarezza della vita e vogliono essere nella tua casa, in un paradiso privato. Penso anche che la paesaggistica oggi abbia la missione principale di integrare l'uomo e la natura, senza fili, senza idraulica, senza drenaggio... in breve, è il risultato che vale e non il titolo di alcuna professione. È raggiungere l'obiettivo, fornire il bisogno di quell'ambiente di armonia e pace. La parte teorica è molto laboriosa, richiede molta ricerca e dedizione anche per i più saggi, che diranno laici come me. Ho trovato nel giardinaggio un percorso verso la vita, un obiettivo per il futuro, per mettere la vita in mezzo al cemento, al ferro e al vetro ".

Risposta di Raul Cânovas

"Cara Patrícia,

Ritengo che questo dibattito sia tutt'altro che finito a causa dei vari punti di vista che devono essere affrontati.

Negli ultimi decenni le città sono esplose: la capitale messicana ha 6.000 abitanti per chilometro quadrato, San Paolo oltre 7.000. La crescita demografica nelle città africane è spaventosa, dal 3% al 4%, mentre nei centri urbani europei non raggiunge lo 0,50%. L'esodo rurale accelera la densità delle città, in particolare in America Latina, dove le opere infrastrutturali non reggono il passo con la velocità con cui queste metropoli aumentano di numero di abitanti.

Regolamentazione della professione paesaggistica - Parte II (seguito): parte


Folla sulla strada di São Paulo

Questo motiva una riflessione. L'artista paesaggista brasiliano, così come i suoi colleghi di questo continente, devono essere più in sintonia con le esigenze dei luoghi in cui sviluppano i loro progetti. Le città sono prive di vegetazione, non per adornarle, ma per fornire loro il comfort ambientale indispensabile per la vita degli uomini e delle donne che vivono in loro. Considerando che il numero di abitanti nel mondo ha già fatto esplodere i 7 miliardi e che raggiungerà i 9,2 miliardi nel 2050, concludiamo che urbanisti e paesaggisti sono oggi leader importanti nella ricerca di soluzioni urgenti. A differenza dei paesi europei, dove le città capitali, ad eccezione di Londra, non superano i 2 o 3 milioni di persone, qui in Brasile, sette città sono già oltre 2 milioni e oltre dieci con oltre 1 milione.

Regolamentazione della professione paesaggistica - Parte II (seguito): della


Un efficiente sistema di trasporti pubblici e aree verdi sono stati tra i motivi che hanno reso Amburgo la capitale europea d'Europa 2011

Se non diventiamo più attenti con le nostre aree verdi (con il vero verde), la respirazione sarà più difficile ogni anno che passa. Certo, paesaggisti formati solo in facoltà di architettura, dove imparano l'estetica, il disegno, la storia dell'arte e l'architettura e il design, tra gli altri, non riescono a comprendere le questioni fondamentali inerenti al paesaggio, che sono, naturalmente, legate alla vegetazione e scienza a cui è collegato.

Regolamentazione della professione paesaggistica - Parte II (seguito): professione


São Paulo, una città priva di spazi verdi

Percepire il paesaggio è un'attribuzione di colui che può vedere oltre il suo contorno immediato, i muri delle abitazioni, le facce superiori di ogni piano di un edificio, infine, il riparo costruito. Solo l'aspetto attento e specializzato del professionista che ha abituato e studiato gli impegni verso la natura e la flora ad esso correlata, può trovare soluzioni che minimizzino l'impatto prodotto dall'avanzamento dell'edilizia civile.

Controverso a parte, penso che sia molto prudente per gli amanti del giardinaggio e del paesaggio frequentare corsi che consentano loro di esibirsi meglio. "

Autore: Raul Cânovas

Editoriale Video: Vincoli Paesaggistici, idrogeologici, urbanistici: quanti sono?


Menu