La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Suoli Per La Coltivazione!

Suoli per la coltivazione!

Comprendiamo i terreni per la coltivazione!

Le piante per crescere hanno bisogno di sostentamento, cibo e acqua.

La maggior parte delle piante è posta a terra, cioè a terra, a terra.

Ma cos'è l'assolo?

Dal punto di vista, il terreno può essere parecchie cose.

Per l'ingegnere minerario, il terreno è il risultato di migliaia di anni di rocce in decomposizione che coprono il minerale o la roccia che si desidera esplorare.

Per l'ingegnere che costruisce strade, il suolo è il materiale che rende il fondo stradale e, per chi coltiva la terra, è il luogo in cui piantano le verdure per il consumo o la commercializzazione.

Il terreno varia da un luogo all'altro, a seconda del materiale roccioso che lo ha generato.

Il terreno considerato interessante per l'agricoltura, cioè, che usiamo nella produzione di piante, sia ornamentali che per scopi di raccolta di cereali e orticole, ha un profilo di circa 0,20-0,35 metri di profondità, non essendo qui considerato la profondità della coltivazione di alberi da frutto.

Caratteristiche fisiche del terreno:

La composizione dei terreni minerali in generale è il 45% di sostanze minerali, il 5% di materia organica, il 25% di acqua e il 25% di aria.

In situazioni naturali, la proporzione di aria e acqua è soggetta a fluttuazioni, a seconda del tipo di suolo, della regione e dei suoi regimi pluviometrici.

La consistenza o la dimensione del grano dipendono dal tipo e dalla degradazione della roccia madre e possono variare da grandi parti di rocce a polvere fine.

terreno


La parte organica del suolo, chiamata sostanza organica, proviene da residui vegetali come radici morte, foglie e rami, carcasse ed escrementi di animali completamente decomposti e ha un ruolo importante nel suolo, rendendolo pi√Ļ aperto, arioso, meno compatto e pi√Ļ ricco in nutrienti per le piante.

terreno

Parte superficiale del terreno, con rifiuti organici sciolti e senza decomposizione.
Sotto questo strato c'è il massimo accumulo organico.

Disaggregato dalla roccia matrice, contiene materia organica mescolata con strati di rocce.

Rock genitore, con vari gradi di alterazione

Utilizza il suolo naturale della regione, chiamato terreno minerale per la produzione di piante forestali, alberi da frutto, lavorazione del terreno, piante orticole e ornamentali.

Per la produzione di piante ornamentali il terreno non è importante come per l'agricoltura estensiva.

L'uso di diversi substrati √® stata la pi√Ļ moderna pratica di produzione, in un maggiore controllo della qualit√† dei nutrienti.

I materiali alternativi sono stati oggetto di ricerca, al fine di ottenere un prodotto a basso costo con buone prestazioni, con l'uso di scarti vegetali, altamente desiderabile per una produzione ecologicamente corretta.

Consistenza del suolo:

terra

La trama di un terreno è dovuta ai suoi componenti in quantità maggiore o minore, composta fondamentalmente da sabbia, argilla e limo.

La sabbia ha una tessitura grossolana con una dimensione maggiore di 0,2 mm. l'argilla ha particelle inferiori a 0,02 mm e il limo tra 0,2 e 0,02 mm.

La combinazione di questi elementi è che dà la consistenza del terreno e lo classifica come argilloso: oltre il 40% di argilla; sabbia meno del 20% di argilla e il 20-49% di argilla è sabbiosa-argillosa.

Suoli secondo la loro consistenza:

- Terreno argilloso - rosso, di colore intenso, solitamente fertile e acido.

Elevata capacità di ritenzione idrica, sviluppo compatto e ostacolato della radice, pH intorno a 4,5.
Ha ridotto contenuto di calcio e magnesio; alto contenuto di alluminio, ferro, manganese e boro; presenza di tossine organiche; poco azoto e fosforo.

Sarà necessario correggere l'acidità, per rendere disponibili le sostanze nutritive alle piante, a seconda del tipo di coltura.

- Terreno sabbioso - regione di antichi corsi d'acqua, ha facile percolazione e lisciviazione di sostanze nutritive, ma è compatta sull'asciutto.
Acidità o alcalinità marcata, con un pH superiore a 6. Se del caso, contiene molto calcio e magnesio, nessun alluminio tossico; bassi livelli di fosforo e ferro; non disponibile per le piante: micronutrienti manganese, zinco, rame e boro. Azoto solubile.

Aggiungi fertilizzanti animali e compost, che aumentano la fertilità e la ritenzione di acqua disponibile per le piante. Ma se è un terreno sabbioso e acido che subisce lisciviazione, potrebbe avere problemi con la mancanza di micronutrienti.
√ą necessario correggere l'acidit√†, aggiungere fertilizzanti animali (bovini, pollame), composti vegetali e sostanze nutritive di formulazione chimica per rendere il terreno pi√Ļ fertile e consentire un buon sviluppo delle piante.

Ogni regione di produzione ha un'analisi del suolo effettuata dai laboratori, dall'EMBRAPA che ha anche indicazioni sul tipo di pianta possibile di coltivazione per la regione.
Per coloro che coltivano sarà necessario fare un'analisi del suolo della loro terra prima di avventurarsi in una produzione commerciale, sia che si tratti di piante coltivate, alberi da frutto e verdure, che usano il suolo minerale.

I dati di analisi del suolo includono l'indice di acidità (pH), i componenti del suolo, i nutrienti disponibili che consentono la preparazione dei calcoli da parte di un tecnico specializzato, per correzioni e aggiunte di ciò che è in piccole quantità.

- Substrati per la coltivazione Substrato in Ecologia si riferisce a qualsiasi materiale, superficie, base e mezzo che possa servire come supporto per lo sviluppo di un essere vivente, vegetale o animale. Da sostanze fisse come rocce ad altre ghiaie mobili, ghiaia, sabbia, fanghi e parti di impianti di rifiuti industriali.

Il substrato ideale deve avere una porosità superiore all'85%, una capacità di aerazione del 10-30% e acqua disponibile al 20-30%.
Alcuni substrati sono forniti pronti per i produttori e devono rispettare le istruzioni governative, secondo l'Istruzione Normativa n. 14 del 15.12.2004, dove ci sono specifiche sui materiali usati, capacità di ritenzione idrica, opacità dello scambio cationico (CTC), conduttività elettrica, eccetera

I substrati sono classificati in base alla loro origine, di materie prime come minerali, organici, sintetici o misti.
Non devono contenere residui tossici, agenti patogeni per l'uomo, animali o piante, metalli pesanti tossici o erbe infestanti.

Editoriale Video: Coltura batterica su piastra Petri (tratto da Dal carbonio agli OGM)

ÔĽŅ