La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Vitamine E Il Corpo, Carenza Di Vitamine!

Vitamine e il corpo, carenza di vitamine!

Carenza di vitamina A

La vitamina A (retinolo) si trova principalmente nell'olio di fegato di pesce, nel tuorlo d'uovo, nel burro e nella panna.

Verdure a foglia verde e verdure gialle contengono carotenoidi come il beta-carotene, che viene lentamente convertito dal corpo in vitamina A.

La maggior parte della vitamina A del corpo è immagazzinata nel fegato.
Una delle forme di vitamina A (retinolo) è un componente dei fotorecettori (cellule nervose sensibili alla luce) della retina. Un'altra forma di vitamina A (acido retinoico) mantiene la pelle sana e il rivestimento dei polmoni, dell'intestino e delle vie urinarie.

Derivati ‚Äč‚Äčdella vitamina A (retinoidi) sono utilizzati nel trattamento dell'acne grave e il suo uso nel trattamento di alcuni tipi di cancro √® oggetto di studio.
La carenza di vitamina A è comune in aree come l'Asia sud-orientale, dove il riso lucidato (che manca di vitamina A) è la principale fonte di cibo. Molte malattie che influenzano la capacità di assorbimento dei grassi intestinali e, di conseguenza, delle vitamine idrosolubili (ad esempio, la celiachia, la fibrosi cistica e l'ostruzione dei dotti biliari) aumentano il rischio di carenza di vitamina A.
La chirurgia dell'intestino o del pancreas può produrre lo stesso effetto.

Sintomi e trattamento

Di solito, il sintomo iniziale della carenza di vitamina A è la cecità notturna.
Successivamente, sulla sclera può formarsi un deposito schiumoso (punto di Bitot) e la cornea può indurirsi e guarire (una condizione chiamata xeroftalmia), che può portare alla cecità permanente.
In alcune malattie della malnutrizione infantile (marasma e kwashiorkor), la xeroftalmia √® comune non solo a causa della carenza di vitamina A nella dieta, ma anche perch√© le carenze di proteine ‚Äč‚Äčed energia (calorie) inibiscono il trasporto di questa vitamina.
La pelle e il rivestimento dei polmoni, dell'intestino e del tratto urinario possono irrigidirsi.

La carenza di vitamina A causa anche dermatiti (infiammazione cutanea) e maggiore suscettibilità alle infezioni.
Alcuni individui hanno una lieve anemia. In carenza di vitamina A, la concentrazione ematica di questa vitamina scende a meno di 15 microgrammi per 100 millilitri (il valore normale è da 20 a 50).
Questo tipo di carenza viene trattato con la somministrazione di supplementi di vitamina A a dosi di 20 volte l'importo giornaliero raccomandato per 3 giorni.
Successivamente, una dose 3 volte superiore alla QDR viene mantenuta per un mese.
In questa fase del trattamento, tutti i sintomi dovrebbero essere spariti.
Un individuo che rimane sintomatico dopo 2 mesi deve sottoporsi a un'indagine per escludere la possibilità di malassorbimento (cambiamento nell'assorbimento dei nutrienti nell'intestino).

Carenza di vitamina D

La vitamina D esiste in due forme.
La vitamina D2 (ergocalciferolo) si trova nel lievito esposto a radiazioni ultraviolette (lievito irradiato) e vitamina D3 (colecalciferolo) negli olii di fegato di pesce e nel tuorlo d'uovo.
La vitamina D3 viene prodotta anche nella pelle quando è esposta a radiazioni ultraviolette (es. Esposizione alla luce solare).
Il latte può essere arricchito con una qualsiasi delle forme di vitamina D. Nel fegato, la vitamina D viene convertita in una forma che può essere trasportata attraverso il sangue.
Nei reni, questa forma viene modificata per produrre ormoni derivati ‚Äč‚Äčdalla vitamina D, la cui funzione principale √® quella di aumentare l'assorbimento di calcio nell'intestino e facilitare la normale formazione delle ossa.
Nel deficit di vitamina D, diminuiscono le concentrazioni di calcio e fosfato, causando malattie alle ossa perché non c'è abbastanza calcio disponibile per mantenere le ossa in salute.

Questo disturbo è chiamato rachitismo nei bambini e osteomalacia negli adulti.
La carenza di vitamina D può essere causata da una inadeguata esposizione alla luce solare o dalla mancanza di vitamina D nella dieta.
Carenza di vitamina D durante la gravidanza può causare osteomalacia nelle donne e rachitismo nel concetto.
Poiché il latte umano non contiene una grande quantità di vitamina D, i bambini possono sviluppare il rachitismo, anche nelle regioni tropicali, quando sono troppo protetti dalla luce solare.
Questa carenza può verificarsi negli individui anziani perché la pelle produce meno vitamina D, anche se esposta alla luce solare.
Esistono numerose forme ereditarie poco frequenti causate dal metabolismo alterato della vitamina D.

Sintomi, diagnosi e trattamento

Nei neonati, gli spasmi muscolari (tetania) causati da una bassa concentrazione di calcio possono essere il primo segno di razzismo.
Un bambino pi√Ļ grande pu√≤ essere lento a sedersi o gattonare e potrebbe esserci un ritardo nel chiudere gli spazi tra le ossa del cranio (fontanelle).

I bambini di età compresa tra 1 e 4 anni possono avere una curvatura anomala della colonna vertebrale, un arco degli arti inferiori e una deviazione delle ginocchia verso l'interno (ginocchia in X) e possono essere lenti nell'imparare a camminare.
Nei bambini pi√Ļ grandi e negli adolescenti, camminare √® un'attivit√† dolorosa.
Negli adolescenti, l'appiattimento delle ossa pelviche può portare al restringimento del canale del parto.
Negli adulti, la perdita di calcio dalle ossa, in particolare la colonna vertebrale, il bacino e gli arti inferiori, causa debolezza e può portare a fratture.

La diagnosi di rachitismo o osteomalacia si basa sui sintomi, sull'aspetto radiografico delle ossa e sui bassi sottoprodotti di calcio, fosfati e vitamina D.
Il rachitismo e l'osteomalacia possono essere curati con la somministrazione orale di vitamina D in dosi giornaliere cinque volte pi√Ļ elevate della QDR per due o tre settimane.
Di solito, alcune forme ereditarie di rachitismo migliorano quando i pazienti vengono trattati con l'ormone della vitamina D.

Vitamine e il corpo, carenza di vitamine!: della

Carenza di vitamina E

La vitamina E (alfa-tocoferolo) è un antiossidante che protegge le cellule del corpo dalle lesioni causate da sostanze chimiche reattive note come radicali liberi.

La vitamina E e il selenio (un componente minerale essenziale di un enzima antiossidante) hanno azioni simili

. I neonati prematuri hanno una riserva di vitamina E molto bassa e possono essere carenti se la loro dieta contiene un eccesso di grassi insaturi e una bassa vitamina E.

Questi grassi sono pro-ossidanti (sostanze facilmente ossidabili per formare radicali liberi) e antagonisti della vitamina E e possono causare emolisi (distruzione di eritrociti).

Disturbi che interferiscono con l'assorbimento del grasso (ad esempio, la celiachia, la fibrosi cistica, l'ostruzione del dotto biliare e il morbo di Crohn) possono anche ridurre l'assorbimento di vitamina E, aumentando il rischio di carenza.

Nei neonati prematuri, la carenza di vitamina E può causare problemi agli occhi (retinopatia) e emorragia intracerebrale, due condizioni che possono essere dovute all'esposizione a concentrazioni elevate di ossigeno negli incubatori.
Nei bambini pi√Ļ grandi, i sintomi di carenza di vitamina E si verificano nel malassorbimento intestinale e sono simili a quelli di un disturbo neurologico.
Includono riflessi ridotti, difficoltà di deambulazione, doppia visione, perdita del senso di posizione e debolezza muscolare.
La bassa concentrazione di vitamina E nel sangue conferma la diagnosi.

La somministrazione di alte dosi di un supplemento di vitamina E per via orale allevia la maggior parte dei sintomi.
Tuttavia, il completo ripristino del sistema nervoso può richiedere diversi mesi.

Carenza di vitamina K

La vitamina K è un termine generico che comprende diverse sostanze correlate necessarie per la normale coagulazione del sangue.
La forma principale è la vitamina K1 (fillochinone), che si trova nelle piante, soprattutto nelle verdure a foglia verde.
Inoltre, i batteri presenti nella porzione distale dell'intestino tenue e del colon producono vitamina K2 (menachinone), che può essere assorbita in misura minore.

La malattia emorragica del neonato, caratterizzata dalla tendenza al sanguinamento, è la principale forma di carenza di vitamina K.
Può verificarsi perché la placenta non consente il passaggio adeguato dei grassi e, di conseguenza, la vitamina K (liposolubile).

Il fegato del neonato √® molto immaturo per produrre una quantit√† sufficiente di fattori di coagulazione del sangue (proteine ‚Äč‚Äčdel sangue che promuovono la coagulazione e richiedono la vitamina K).
Durante i primi giorni di vita; non ci sono batteri nell'intestino che producono vitamina K e il latte materno ne è una fonte limitata.
Un'iniezione di vitamina K dovrebbe essere somministrata ai neonati per proteggerli da questa malattia.

I bambini allattati al seno che non hanno ricevuto questa iniezione alla nascita sono particolarmente sensibili alla carenza di vitamina K. Poiché la vitamina K è liposolubile, disturbi che interferiscono con l'assorbimento del grasso (ad esempio, celiachia e fibrosi cistica) può causare carenza di vitamina K nei bambini e negli adulti.
L'ingestione di quantità eccessive di olio minerale può anche impedire l'assorbimento della vitamina K.
Questa carenza può verificarsi anche in individui che usano farmaci anticoagulanti per prevenire la formazione di coaguli di sangue.

Sintomi, diagnosi e trattamento

Il sintomo principale è il sanguinamento - sulla pelle, attraverso il naso, una ferita o nello stomaco - accompagnato da vomito.
√ą possibile osservare la presenza di sangue nelle urine o nelle feci. La pi√Ļ grave √® l'emorragia cerebrale, che pu√≤ verificarsi nei neonati.

Quando c'è una sospetta carenza di vitamina K, viene eseguito un esame del sangue per misurare la concentrazione di protrombina, uno dei fattori di coagulazione che richiedono la vitamina K.
Una concentrazione bassa (meno del 50% del normale) suggerisce una carenza di vitamina K. Tuttavia, una bassa concentrazione di protrombina può anche essere dovuta all'uso di farmaci anticoagulanti o di danno epatico.

Normalmente, la diagnosi è confermata quando un'iniezione di vitamina K aumenta la concentrazione di protrombina entro poche ore e l'emorragia si interrompe entro 3-6 ore.
Quando l'individuo ha una grave malattia del fegato, il fegato potrebbe non essere in grado di sintetizzare i fattori della coagulazione nonostante le iniezioni di vitamina K. In tali casi, possono essere necessarie trasfusioni di plasma per ripristinare i fattori della coagulazione.

Vitamine e il corpo, carenza di vitamine!: vitamina

Carenza di vitamina B1

La vitamina B1 (tiamina) è essenziale per varie reazioni che coinvolgono gli enzimi, compresi quelli coinvolti nell'ottenere energia dal glucosio.
Lievito, carne di maiale, verdure e cereali integrali sono buone fonti di questa vitamina.

La carenza di vitamina B1 può verificarsi quando questi alimenti sono assenti dalla dieta.
Quando la buccia del riso viene rimossa (riso levigato), praticamente tutte le vitamine sono perse.
Gli asiatici sono a rischio di carenza di vitamina B1 perché la loro dieta consiste principalmente di riso levigato.
Tuttavia, la cottura del riso prima del peeling rimuove la vitamina, causandone la diffusione nel grano, preservandolo e preservandone tutte le proprietà protettive.
Questa deficienza può anche essere dovuta alla riduzione dell'assorbimento causato da diarrea cronica o ad un aumento della domanda di vitamine causata da condizioni come ipertiroidismo, gravidanza o febbre.

Gli individui alcolici intossicati sostituiscono il cibo con l'alcol e, di conseguenza, riducono il consumo di tutte le vitamine, compresa la vitamina B1. Per questo motivo, sono a rischio di disturbi di carenza nutrizionale.

Sintomi e trattamento

I sintomi iniziali sono affaticamento, irritabilità, deficit di memoria, inappetenza, disturbi del sonno, disturbi addominali e perdita di peso.
Infine, l'individuo può presentare una grave carenza di vitamina B1 (beriberi), che è caratterizzata da alterazioni nervose, cerebrali e cardiache.

In tutte le forme di beriberi, il metabolismo degli eritrociti (globuli rossi, globuli rossi) è alterato e la concentrazione di vitamina B1 nel sangue e nelle urine è significativamente ridotta.
I cambiamenti nervosi (beri-beri secchi) iniziano come una formicolio alle dita dei piedi, una sensazione di bruciore ai piedi che diventa particolarmente intensa durante la notte, crampi muscolari al polpaccio e dolore alle gambe e ai piedi.
Quando l'individuo ha anche una carenza di acido pantotenico, questi sintomi potrebbero essere peggiori. I muscoli del polpaccio possono diventare dolorosi.
Il sollevamento dalla posizione accovacciata può diventare difficile e la capacità di rilevare le vibrazioni nelle dita dei piedi può diminuire.
Infine, i muscoli del polpaccio e della coscia possono atrofizzarsi e l'individuo può presentare "piede in gocciolina" e "dita in gocciolina" (disturbi nei quali il piede o le dita pendono flaccamente e non possono essere sollevati), poiché i nervi e i muscoli non funzionano correttamente

Può verificarsi anche la "goccia di impulsi".
I cambiamenti del cervello (sindrome di Wernick-Korsakoff, beri-beri cerebrale) sono spesso conseguenze di una improvvisa e grave carenza di vitamina B1, che può essere causata da un'assunzione eccessiva di alcol o da vomito intenso durante la gravidanza.
La carenza può installarsi o aggravare una carenza cronica.
I sintomi iniziali del beriberi includono confusione mentale, laringite e visione doppia.
Successivamente, un individuo può presentare una collaborazione (invenzione di fatti ed esperienze) per colmare le lacune nella memoria.

Quando l'encefalopatia di Wernicke (una parte della sindrome di Wernicke-Korsakoff) non viene curata, i sintomi possono peggiorare, portando al coma e persino alla morte.
√ą un'emergenza medica e deve essere trattata con la somministrazione endovenosa di vitamina B1 a una dose 100 volte maggiore della QDR per diversi giorni.
Successivamente, la somministrazione orale di una dose 10 volte maggiore della QDR viene raggiunta fino alla scomparsa dei sintomi.
Frequentemente, il recupero non è completo perché alcuni danni al cervello possono essere permanenti.

I cambiamenti cardiaci (beri-beri umidi) sono caratterizzati da un aumento della gittata cardiaca (deflusso del sangue nel cuore), aumento della frequenza cardiaca e vasi sanguigni dilatati, che rendono la pelle calda e umida.

A causa della carenza di vitamina B1, il cuore non può mantenere questa elevata portata cardiaca e si verifica un'insufficienza cardiaca, con dilatazione venosa, difficoltà di respirazione e accumulo di liquidi nei polmoni e nei tessuti periferici.
Il trattamento consiste nella somministrazione endovenosa di vitamina B1 ad una dose 20 volte superiore alla QDR per 2 o 3 giorni.
Successivamente, la vitamina viene somministrata per via orale.

Il beriberi infantile si verifica nei bambini allattati al seno da una madre con carenza di vitamina B1.
Il beriberi dell'infanzia è caratterizzato da scompenso cardiaco, perdita della voce e danno ai nervi periferici, di solito tra il secondo e il quarto mese di vita.
Normalmente, i cambiamenti cardiaci scompaiono immediatamente e completamente con il trattamento della vitamina B1.

Vitamine e il corpo, carenza di vitamine!: della

Carenza di vitamina B2

La vitamina B2 (riboflavina) è importante in molti processi cellulari, in particolare quelli coinvolti nella produzione di energia e nel metabolismo degli aminoacidi.

Buone fonti di questa vitamina sono i latticini, la carne rossa, il pesce e il pollame.

La carenza di vitamina B2 è rara, tranne nelle aree in cui la dieta consiste principalmente di riso levigato.

Gli individui alcolici e quelli con malattia del fegato o diarrea cronica possono presentare questo tipo di deficit.
I sintomi pi√Ļ comuni sono le lesioni agli angoli della bocca, seguite da crepe nelle labbra, che possono lasciare cicatrici.
Quando si verifica un'infezione da Candida (moniliasi, mughetto) in queste aree, l'individuo può avere macchie bianco-grigie.
La lingua può avere un colore rosso-violetto e, a volte, possono sorgere aree seborroiche (untuose) nell'area tra il naso e le labbra.
Occasionalmente, i vasi sanguigni crescono sulla cornea, causando disagio visivo in piena luce.
Negli uomini, la pelle del sacco scrotale si infiamma.
I sintomi scompaiono immediatamente se trattati con integratori di vitamina B2 a dosi 10 volte superiori a quelle della QDR.

Carenza di niacina

La niacina (acido nicotinico) si trova in molti alimenti. La niacina è essenziale per il metabolismo di molte sostanze nel corpo.

La pellagra è il disturbo nutrizionale causato dalla carenza di niacina.
Una deficienza dell'aminoacido triptofano è anche coinvolta nello sviluppo della pellagra, dal momento che il triptofano può essere convertito in niacina.

Gli individui che vivono nelle regioni in cui il mais è il principale cereale sono a rischio di pellagra perché è povero sia nel triptofano sia nella niacina.
Inoltre, la niacina presente nel mais non viene assorbita nell'intestino, tranne quando il mais viene trattato con un alcali, come avviene durante la preparazione delle tortillas.
La pellagra, un disturbo stagionale, si verifica in primavera e dura per tutta l'estate.
Pellagra si verifica ripetutamente in individui che consumano diete carenti contenenti prodotti di mais.

Alcolisti cronici hanno un alto rischio di pellagra a causa della loro cattiva alimentazione.
La pellagra si verifica in individui con malattia di Hartnup, una rara malattia ereditaria caratterizzata da carenza di assorbimento del triptofano nell'intestino e nei reni.
Hanno bisogno di alte dosi di niacina per prevenire i sintomi.

Sintomi, diagnosi e trattamento

La pellagra è caratterizzata da cambiamenti cutanei, gastrointestinali e cerebrali.

Il sintomo iniziale è la comparsa di aree rossastre e simmetriche sulla pelle, che assomigliano a scottature e peggiorano con l'esposizione al sole (lesioni fotosensibili).
I cambiamenti della pelle non scompaiono e possono diventare brunastri e squamati. I sintomi della pelle sono solitamente accompagnati da disturbi gastrointestinali come nausea, inappetenza e diarrea (fetida ea volte sanguinosa).
L'intero tratto gastrointestinale è interessato.
Lo stomaco non può produrre abbastanza acido (acloridria) e la lingua e la bocca si infiammano, mostrando un colore scarlatto brillante.
La vagina può anche essere colpita.
Infine, si verificano cambiamenti mentali (ad es. Stanchezza, insonnia e apatia). Di solito questi sintomi precedono una disfunzione cerebrale (encefalopatia), che è caratterizzata da confusione mentale, disorientamento, allucinazioni, amnesia e persino psicosi maniaco-depressiva.

La diagnosi viene stabilita sulla base delle abitudini alimentari, dei sintomi e delle basse concentrazioni di sottoprodotti della niacina nelle urine.
Anche gli esami del sangue possono essere utili.

Il trattamento della pellagra è la somministrazione di alte dosi (circa 25 volte il QDR) di niacinamide, una forma di niacina, insieme a alte dosi (10 volte il QDR) di altre vitamine del complesso B.

Le vitamine B1, B2 e B6 e l'acido pantotenico devono essere somministrate perché le carenze di queste vitamine producono alcuni dei sintomi della pellagra.

Vitamine e il corpo, carenza di vitamine!: carenza

Carenza di vitamina B6

La vitamina B6 è un termine generico che include piridossina, piridossale e piridossamina.

Queste vitamine sono importanti nelle reazioni catalizzanti che coinvolgono gli amminoacidi da sangue, cervello e cellule della pelle.

Questa deficienza può essere dovuta a malassorbimento del tratto gastrointestinale o all'uso di farmaci che promuovono l'esaurimento delle riserve di vitamina B6 (es. Isoniazide, idralazina e penicillamina).

La carenza può verificarsi anche nei disturbi ereditari che inibiscono il metabolismo della vitamina B6.

Questi disturbi possono causare gravi ritardi mentali, convulsioni e anemia difficili da correggere.
Nei neonati, la carenza di vitamina B6 può causare convulsioni.
Negli adulti, può causare anemia, dermatiti, danni ai nervi (neuropatia) e confusione mentale.

Altri sintomi includono lingua arrossata e infiammata, ragadi agli angoli della bocca e intorpidimento con sensazione di formicolio alle mani e ai piedi. Gli esami del sangue possono essere utili per stabilire la diagnosi.

Questa carenza viene trattata con alte dosi giornaliere di vitamina B6 (da 10 a 20 volte il QDR) fino alla scomparsa dei sintomi.
Possono essere necessarie dosi pi√Ļ elevate quando il deficit √® causato da una malattia ereditaria.

Carenza di biotina

La biotina è una vitamina del complesso B necessaria per il metabolismo di grassi e carboidrati.
La biotina si trova in molti alimenti.
Buone fonti sono fegato, rene, pancreas, uova, latte, pesce e noci e noci.
√ą molto improbabile che una persona che consuma una dieta equilibrata abbia una tale carenza.
Tuttavia, questa deficienza può essere causata dal consumo di albumi bianchi crudi per settimane, in quanto contengono una sostanza che si lega alla biotina nel corpo, impedendone l'assorbimento.

I sintomi includono sonnolenza, perdita di peso, dermatiti, attacchi d'ansia, dolori muscolari e alcuni sintomi nervosi (ad es. Esaurimento, insonnia e allucinazioni).
Gli individui sottoposti a nutrizione parenterale prolungata senza supplementazione di biotina possono anche presentare questo tipo di deficit.
Test di laboratorio mostrano una diminuzione della concentrazione di biotina nel sangue e nelle urine.

Carenze di acido folico e vitamina B12

L'acido folico (folato) e la vitamina B12 (cobalamina) agiscono in modo interdipendente nella formazione dei normali eritrociti e nella produzione di timidina (un componente essenziale del DNA).
La carenza di una qualsiasi di queste vitamine porta ad anemia grave (ad es. Anemia perniciosa), in cui la quantità di eritrociti è piccola e hanno un grande diametro.

I sintomi includono pallore, debolezza, riduzione della secrezione acida gastrica e neuropatia (danno ai nervi).
La neuropatia si verifica principalmente nella carenza di vitamina B12.

L'anemia perniciosa (anemia da carenza di vitamina B12) è una malattia in cui la vitamina B12 non può essere assorbita perché lo stomaco non produce il fattore intrinseco, che si combina con la vitamina B12 e la trasporta nel sangue.
A volte questa anemia si verifica perché un sistema immunitario iperattivo attacca le cellule gastriche che producono il fattore intrinseco (una reazione autoimmune).

I vegetariani condannati, che sono carenti di vitamina B12 perché si trovano solo in prodotti animali, e le persone con disturbi ereditari che bloccano il trasporto o l'attività della vitamina B12 possono avere altre forme di carenza di vitamina B12.

La carenza di acido folico può verificarsi in donne in gravidanza che consumano diete senza verdure e verdure a foglia verde, che contengono acido folico. I bambini possono avere carenza di acido folico quando il contenuto di acido folico nelle loro formule alimentari è basso.

La diagnosi di carenza di vitamina B12 o di acido folico si basa sull'identificazione dell'anemia con eritrociti di grandi dimensioni e sull'individuazione di basse concentrazioni di una o di entrambe le vitamine negli esami del sangue.
La diagnosi è confermata esaminando un campione di midollo osseo che rivela la presenza di precursori eritrocitari di grandi dimensioni e immaturi.
Il trattamento dell'anemia perniciosa è la somministrazione di iniezioni mensili di vitamina B12.
Il trattamento della carenza di acido folico è la sua somministrazione per via orale.

Carenza di vitamina C

La vitamina C (acido ascorbico) si trova negli agrumi, nelle patate, nei cavoli e nei peperoni verdi.
Questa vitamina è essenziale per la formazione del tessuto connettivo (il tessuto che tiene insieme le strutture del corpo).
Aiuta il corpo ad assorbire il ferro e recuperare da ustioni e ferite.
Proprio come la vitamina E, la vitamina C è un antiossidante.

Gravidanza, allattamento al seno, tireotossicosi (iperattività della tiroide), vari tipi di infiammazione, interventi chirurgici e ustioni possono aumentare significativamente la richiesta di vitamina C da parte del corpo e il rischio di invalidità.
Nei bambini di età compresa tra 6 e 12 mesi, la mancanza di vitamina C nella dieta può causare lo scorbuto, un tipo di malattia da carenza.
I sintomi iniziali comprendono irritabilità, dolore durante i movimenti, perdita di appetito e incapacità di ingrassare.

Le ossa diventano sottili e le articolazioni possono diventare prominenti.

Sanguinamento sotto il periostio (tessuto che ricopre le ossa) e intorno ai denti sono tipici.

Negli adulti, lo scorbuto può verificarsi quando la dieta è limitata, contenente solo carne secca e farina o tè, toast e verdure in scatola (cibi tipici consumati da individui anziani che non sono interessati al cibo).
Dopo alcuni mesi di questo tipo di dieta, l'individuo ha un'emorragia sottocutanea, in particolare intorno ai follicoli piliferi, subunguali, attorno alle gengive e intra-articolari.
L'individuo può sperimentare depressione, stanchezza e debolezza. La pressione sanguigna e la frequenza cardiaca fluttuano.
I risultati degli esami del sangue rivelano una bassissima concentrazione di vitamina C.

Nei neonati e negli adulti, lo scorbuto viene trattato con alte dosi di vitamina C per una settimana, seguito da dosi pi√Ļ basse per 1 mese.

Editoriale Video: 10 Segnali di Avvertimento Per Possibile Carenza di Vitamina D

ÔĽŅ
Menu