La Rivista "Idee Per La Tua Casa" Online Si Trovare Idee E Soluzioni Originali, Pianificazione E Progettazione Della Vostra Casa Interno Del Progetto

Acqua Nel Corpo... L'Importanza Dell'Idratazione!

Acqua nel corpo... l'importanza dell'idratazione!

Tutte le forme conosciute di vita hanno bisogno di acqua.
Gli esseri umani consumano "acqua potabile" (acqua potabile, cioè acqua compatibile con le caratteristiche del nostro corpo).

L'acqua potabile è un'abitudine sana che dovrebbe essere sviluppata da tutte le persone.

Sappiamo tutti quanto sia importante un'adeguata assunzione di acqua ogni giorno, ma quasi sempre la trascuriamo.
L'acqua è un buon solvente e scioglie vari tipi di sostanze, come vari sali e zuccheri, e facilita la loro interazione chimica, che aiuta il metabolismo complesso.

Tutti gli organismi viventi hanno dal 50 al 90% di acqua in sé.
Il corpo umano stesso è composto per il 70% da acqua che idrata costantemente, lubrifica, riscalda, trasporta i nutrienti, elimina le tossine e reintegra l'energia, tra le innumerevoli altre utilità.

È una componente essenziale per il buon funzionamento generale del corpo, aiutando in alcune funzioni vitali, come ad esempio il controllo della temperatura corporea.

Acqua nel corpo... l'importanza dell'idratazione!: idratazione

Si raccomanda il numero di 1 bicchiere di 200 ml di acqua all'ora quando si è svegli.
Pertanto, l'aspirazione dell'acqua deve essere indipendente dalla sede, costante e rigorosa. Ed è inutile lasciar andare i 2/3 litri necessari quotidianamente in una volta sola.

Si dice che l'invecchiamento può essere considerato un processo di essiccazione, poiché dall'infanzia alla vecchiaia la quantità di acqua nel corpo diminuisce gradualmente.

È importante consumare sempre acqua di buona qualità: acqua filtrata o minerale.

Gli studi dimostrano che lo stomaco autorizza solo 12 ml / kg / ora, il che significa che un adulto non sarà in grado di assumere più di un litro alla volta senza "andare male".

iperidratazione

L'iperidratazione è un eccesso di acqua nel corpo.
L'iperidratazione si verifica quando l'assunzione di acqua è maggiore della sua eliminazione.
Questo eccesso di acqua provoca un'eccessiva diluizione del sodio presente nel sangue.

L'ingestione di quantità eccessive di acqua normalmente non causa l'iperidratazione quando l'ipofisi, i reni e il cuore funzionano normalmente.
Un individuo adulto dovrebbe bere più di 7,5 litri di acqua al giorno per superare l'escrezione di acqua del corpo.
L'iperidratazione è molto più comune nelle persone i cui reni non possono normalmente espellere l'acqua, come quelli con malattie cardiache, renali o epatiche.

Gli individui con questi problemi potrebbero dover limitare il volume di acqua e la quantità di sale che ingeriscono.

Come nella disidratazione, l'organo più sensibile all'iperidratazione è il cervello.

Quando l'iperidratazione si verifica lentamente, le cellule cerebrali hanno la possibilità di adattarsi e, di conseguenza, si verificano pochi sintomi.
Quando l'iperidratazione si verifica rapidamente, l'individuo può sperimentare confusione mentale, convulsioni e coma.

Il medico cerca di distinguere l'iperidratazione dal volume di sangue in eccesso.
Nell'iperidratazione, l'eccesso di acqua si osserva sia all'interno che attorno alle cellule e generalmente non produce segni di accumulo di liquidi.

In eccesso di volume del sangue, il corpo ha anche un eccesso di sodio e, di conseguenza, non può deviare l'acqua nel serbatoio intracellulare.
In condizioni di sovraccarico di volume, come insufficienza cardiaca e cirrosi del fegato, il liquido si accumula intorno alle cellule del tronco, dell'addome e delle gambe.

La differenziazione tra iperidratazione e volume di sangue in eccesso è spesso molto difficile, poiché l'iperidratazione può verificarsi da sola o in concomitanza con il volume di sangue in eccesso.

trattamento

In una certa misura, il trattamento dell'iperidratazione dipende dalla causa sottostante. Tuttavia, indipendentemente dalla causa, l'assunzione di liquidi deve essere limitata.
L'assunzione di meno di 1 litro di liquido al giorno di solito riduce l'iperidratazione in pochi giorni.
Questa restrizione netta dovrebbe essere eseguita solo sotto controllo medico.

A volte il medico prescrive un diuretico per aumentare l'escrezione di acqua dai reni.
In generale, i diuretici sono più utili nel trattamento del volume ematico in eccesso e, pertanto, la loro efficacia è maggiore quando l'iperidratazione è accompagnata da un eccesso di volume di sangue.

Editoriale Video: L'energia dell'acqua: l'importanza dell'idratazione


Menu